Sabato 31 luglio 2010. Futuro e libertà per l’Italia è il gruppo autonomo alla Camera (33 richieste di adesione) nato dal “divorzio” di Gianfranco Fini e Silvio Berlusconi. Il nome del gruppo è stato formalizzato presso gli uffici della Camera.

Gianfranco FiniDa ieri Futuro e libertà per l’Italia è presente su Facebook. Nel popolare social network, i commenti di Gianfranco Fini sono il manifesto politico del suo gruppo:
“vogliamo permettere ai giovani di lavorare e mettere su famiglia senza dover fuggire dall’Italia;
il Mezzogiorno per crescere ha bisogno di liberarsi dalle mafie, non di fare affari con esse;
cosa ce ne facciamo di un PdL in cui il popolo non conta nulla e non vi e’ liberta’ alcuna?
Dimentichiamo Fascisti e Comunisti, ora ci sono solo Berlusconiani e Antiberlusconiani;
garantismo non è impunità!
Riprendiamoci la credibilita’ che ci e’ stata tolta dal malcostume del berlusconismo;
La Bandiera e la Costituzione prima degli interessi personali;
non permetteremo alla Lega di dettare l’agenda al Governo;
vogliamo che il Meridione cresca sulla strada della legalita’;

chi e’ nelle cricche, cosche, lobbies, P3 e affini o chi ci fa affari non puo’ rappresentare un grande Paese moderno come l’Italia! Ridiamo dignita’ a questo Paese!”.
Segnaliamo alcuni significativi commenti:

“finalmente un forte segno di speranza per questo Paese. Molti vi seguiranno se saprete usare bene le vostre carte, gli italiani onesti non aspettano altro che una guida valida sotto i principi di legalità e nazionalità!
W l’Italia…abbiamo bisogno di un nuovo spirito nazionale !!!
L’Italia chiede a gran voce la restituzione della propria dignità……

occhio però a non fare l’errore della Sinistra, ovvero di fondare un partito sull’antiberlusconismo. Io sono un finiano convinto, ma spero in un partito che abbia idee, ideali e creda in noi giovani”.