[stream flv=x:/www.messinaweb.tv/wp-content/uploads/2010/08/10670.flv img=x:/www.messinaweb.tv/wp-content/uploads/2010/08/1026_grande.jpg embed=true share=true width=480 height=320 dock=true controlbar=over bandwidth=med autostart=false /]

Il consiglio per i diritti umani dell’ O.N.U. solleva dall’imputazione  di crimini di guerra l’esercito Srilankese, accusato in questi ultimi giorni ,  da un articolo del TIMES,  di aver contribuito, con un attacco aereo finale ad una strage di civili Tamil e a Ginevra si è deciso con 29 voti a favore, 6 astenuti e 12 contrari ( fra cui con  dispiacere, l’Italia) che la guerra fra Srilankesi e le Tigri Tamil è una questione interna al paese, senza bisogno  che ci siano interferenze straniere, scagionando  l’esercito Srilankese.
Questa manifestazione del  31 maggio è stata fortemente voluta per sensibilizzare tutti i Messinese e gli Italiani spiegando con fatti veri e dimostrabili,  che i Srilankesi sono stati vittime per 30 anni delle azioni terroristiche delle Tigri Tamil .
Un serpentone di gente ( più di 400 presenze) ha attraversato lentamente le strade cittadine sfilando sulla via Garibaldi fra lo sventolio di centinaia di bandiere con l’effige del leone ruggente armato di sciabola: il simbolo dello stato libero dello Sri Lanka. Caratteristici erano i vestiti variopinti dei ragazzi in testa al corteo. Arrivati in piazza Casa Pia sono stati accolti dal gruppo musicale “Siyathra” che ha intonato l’inno nazionale. Dopo di ché  alcuni membri della comunità accendevano un candelabro dorato, simboleggiante l’unità sotto l’insegna della pace e dell’uguaglianza.
La Comunità Srilankese di Messina, vuole inoltre ringraziare in modo particolare l’azione equilibrata , decisiva ed efficace delle forze locali della Polizia di Stato e dei Carabinieri, che si sono da sempre prodigati, in particolar modo con i loro gruppi speciali anti antiterrorismo, per soffocare le azioni sovversive delle Tigri Tamil presenti nel territorio cittadino e Siciliano, debellando parecchie volte singoli elementi o piccoli gruppi organizzati che fornivano appoggio da qui , verso  le azioni di terrorismo e di attentati dinamitardi  in Sri Lanka.
l’«unione e la pace» proprio oggi in questa città come in tutta Italia e nell’Europa Intera , devono essere il tema portante per la riconciliazione definitiva dei Srilankesi e dei Tamil.