Il report di monitoraggio di Arpa Sicilia relativo agli anni 2015-2017 mostra una crescita del consumo pari allo 0.15%, a fronte di una media nazionale dello 0.23%.  

Il consumo di suolo misura la perdita di superficie originariamente agricola, naturale o seminaturale a fronte dell’incremento della copertura artificiale di terreno prevalentemente dovuto alla costruzione di nuovi edifici, fabbricati e insediamenti, all’espansione delle città, alla desertificazione. Le attività di monitoraggio permettono di avere un quadro aggiornato delle dinamiche di trasformazione del territorio e della crescita urbana.

Il consumo di suolo in Sicilia nel 2017 continua a crescere per quanto in maniera leggermente inferiore rispetto la media nazionale. Infatti, la crescita in Sicilia nel 2017 è pari allo 0.15%, a fronte di una media nazionale dello 0.23%. Le provincie dove l’incremento percentuale di consumo di suolo è minore sono Caltanissetta (0.05%) ed Enna (0.06%) mentre, la provincia con il maggiore incremento di consumo di suolo è Ragusa con il 0.33%, valore superiore alla media siciliana e nazionale. Il dato computa le superfici delle numerose serre presenti nel territorio ragusano come “consumo di suolo permanente”. A livello comunale, il maggior consumo di suolo in termini assoluti (in Kmq) si rileva, nell’ordine, nei comuni di: Palermo (63  Kmq ), Vittoria (53 Kmq), e Catania (51 Kmq). Nel 2017 la quasi totalità dei comuni della fascia costiera delle province di Ragusa e Catania e buona parte di quelli ricadenti, sempre nella fascia costiera, delle province di Palermo, Trapani Agrigento, Caltanisetta, Siracusa e Messina mostrano valori di percentuale di consumo di suolo sul totale della superficie comunale territoriale maggiori del 9% con punte anche superiori al 30%. Molto modesti, di contro, appaiono i valori di consumo di suolo nelle aree collinari e di montagna dell’entroterra siciliano. Il consumo di suolo procapite a livello comunale presenta invece una distribuzione più omogenea dei valori di suolo consumato pro-capite tra i comuni delle aree interne e quelli rivieraschi. Il maggior consumo di suolo nelle aree rivierasche è correlato alla presenza di un maggiore numero di abitanti. (nella foto Serre a Ragusa).

Per scaricare il rapporto di Arpa Sicilia: goo.gl/b324t3 (1,5 Mb)

Nel video  il Prof. Paolo Pileri in modo semplice ed intuitivo ci illustra l’importanza e la grande fragilità di questa sottilissima pellicola che chiamiamo Suolo!