Nell’ambito della 6^ edizione della Settimana della Terra, un festival scientifico che coinvolge tutta l’Italia, si svolgerà mercoledì 17 ottobre 2018 (dalle ore 9.30 alle 12.30) l’evento “Porte aperte al C.E.R.I.S.I.” , giunto al secondo anno consecutivo.

Il progetto C.E.R.I.S.I., per il quale sono stati investiti 22 milioni di euro nasce dalla coesione e l’interscambio di 4 aree della Ricerca scientifica dell’Università di Messina: Scienza e Tecnica delle costruzioni, Geotecnica, Ingegneria Naval-meccanica e Scienze della Terra.

Pur realizzando prevalente attività di ricerca, il Centro si connota anche per l’offerta di servizi scientifici e tecnologici.

I mercati obiettivo di C.E.R.I.S.I. sono in via generale rappresentati da soggetti che progettano, realizzano, gestiscono, monitorano le grandi infrastrutture nel Mondo e soggetti deputati alla salvaguardia e tutela di ambienti particolarmente soggetti a eventi sismici. I principali clienti potenziali sono tutti quegli attori economici e sociali che devono monitorare costantemente ex ante, in itinere ed ex post l’ambiente e le infrastrutture presenti, sottoposti a rischi scaturenti da sollecitazioni atmosferiche, meccaniche e sismiche.

C.E.R.I.S.I. si propone sul mercato Nazionale ed Internazionale svolgere un’ampia gamma di servizi alle imprese all’avanguardia rispetto alla media dei Competitor.

L’iniziativa permetterà ai partecipanti di visitare i laboratori del Centro di Eccellenza, Ricerca e Innovazione Strutture e Infrastrutture di grandi dimensioni (Polo Papardo), con lo scopo di far conoscere le possibilità che la scienza offre per migliorare la qualità della vita e della sicurezza, investendo su ambiente, energia, clima, alimentazione, salute, risorse e riduzione dei rischi naturali. La manifestazione promossa anche dall’Associazione Centro Educazione Ambientale (CEA) Messina onlus, presieduta dall’ing. Francesco Cancellieri, vedrà la collaborazione operativa del Masci Messina 1 il Faro coordinato dal Magister Letterio Brigandì.