Si è svolta oggi nella Sala Ovale del Comune di Messina la presentazione della Convention Nazionale INBAR che si terrà dal 3 al 5 maggio al Capo Peloro Resort. I dettagli dell’iniziativa sono stati resi dal Presidente Nazionale Anna Carulli, dal Presidente di ConfCommercio Carmelo Picciotto, dal componente del Comitato Scientifico Nazionale Pino Falzea e dal Presidente della Commissione CAM Nunzia Coppola.

E’ la prima volta che l’INBAR (Istituto Nazionale di Bioarchitettura) sceglie la Sicilia per il suo appuntamento più importante dell’anno ha dichiarato la Presidente Carulli.Fare rete con chi si occupa di sostenibilità significa tutelare la vita del pianeta ha aggiunto Carmelo Picciotto. Il compito dei corpi intermedi è quello di diffondere e mantenere vivi seminandoli i concetti relativi alla sostenibilità della vita all’interno dell’economia reale.

Un connubio quello tra ConfCommercio ed Istituto Nazionale di Bioarchitettura nato in occasione del festival della Crescita tenutosi a Messina l’anno scorso e che mira a promuovere la rigenerazione urbana per la salvaguardia della qualità della vita del cittadino.  Per tre giorni, nella bellissima location del Resort Capo Peloro, si alterneranno relatori e gruppi di lavoro sulle importanti tematiche legate all’ambiente e alla Bioarchitettura.

“I modelli progettuali che potevano essere visti e proposti come avanguardistici 30 anni fa – ha detto il Presidente INBAR Anna Carullioggi sono diventati consuetudine. E tale attuale consuetudine si può dire con orgoglio che sia stata raggiunta anche grazie al lavoro che l’Istituto, attraverso i suoi soci, ha svolto sul campo per decenni attraverso corsi, eventi, progetti e più in generale impegno. Siamo di fronte alla necessità di definire un nuovo modello, una nuova proposta, ancora ‘avanguardistica’ e, soprattutto, di prospettiva, che consenta all’Istituto di riaffermarsi nel ruolo innovatore, trainante e proponente che caratterizza, da sempre, la nostra identità e che gli ha consentito di attestarsi come l’associazione nazionale di settore più longeva in un panorama che nei decenni si è arricchito di mille figure, più o meno settoriali, più o meno idealiste, più o meno affariste, più o meno inseguitrici delle mutate finalità ambientali, progettuali, imprenditoriali e sociali“. Tra i relatori di questa intensa “tre giorni”, provenienti da tutte le parti d’Italia, i membri del Comitato Scientifico Nazionale, dell’Ufficio Studi e delle Commissioni Nazionali, Francesco Parisi, Pino Falzea, Raffaella Lione, Gino Mazzone, Giuseppe Scannella, Roberto Tognetti, Ivano Verra, e poi ancora Giò Dardano, Nando Bertolini, Giorgio Origlia, Nunzia Coppola, Vincenzo La Manna, Giuliano dall’O’, Federico Morchio, Gianni La Cagnina, Antonio Amore, Donatella Wallnofer, Silvano Tramonte, Alessandro Damiani, Marco Caserio, Raffaella Patrone e Cristiana Rossetti. L’evento, organizzato dal Coordinamento Regionale INBAR Sicilia-Sezioni di Agrigento, Catania, Caltanissetta, Messina e Ragusa, è patrocinato dal Consiglio Nazionale degli Architetti, dal Green Building Council Italia, da Biourbanism ISB, dal Consiglio Nazionale dei Geometri, dall’ARPA, dalla Consulta degli Architetti di Sicilia, dall’Ordine degli Architetti di Messina, dall’Ordine degli Ingegneri di Messina, dall’Ordine dei Geologi di Sicilia, dal Collegio dei Periti Industriali di Messina, dal Collegio dei Geometri di Messina e da ConfCommercio Messina.