Ecco l’appuntamento di ogni domenica con il TG della Sostenibilità dell’ ASviS, oggi:
Orto 2.0 è la società cooperativa agricola a Tor Vergata, Roma, di un gruppo di giovani per una filiera sempre più corta. In questo modo è possibile coltivare un proprio appezzamento di terreno o seguirne la crescita: la figura del produttore e del consumatore coincidono.
Ai nostri microfoni Lorenzo Artibani, tra i fondatori del progetto;
alla Luiss di Roma 650 studenti provenienti da sei regioni italiane hanno partecipato a Millennial Lab 2030, iniziativa ideato dalla Fondazione Bruno Visentini e co-finanziato dalla Comissione Europea per abbattere il divario generazionale e creare città a misura di giovani.
La parola ai ragazzi e a Luciano Monti, docente alla Luiss di Roma; giustizia formale e informale: in molti Paesi del mondo sono egualmente importanti.
I dettagli sui progetti di Idlo nel mondo raccontati da Margarita Meldon, manager programma regionale Europa orientale e Asia centrale per l’International Development Law Organization; l’Europa e la strategia 2030 nella rubrica Alta Sostenibilità, in onda tutti i lunedì su Radio Radicale.
Ce ne parlano Enrico Giovannini, portavoce dell’ASviS e Anna Colombo, consigliere speciale del Gruppo socialisti e democratici al parlamento Ue: l’ultima puntata della Web TV, buona visione!

Saperne di più: 

L’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS) è nata il 3 febbraio del 2016, su iniziativa della Fondazione Unipolis e dell’Università di Roma “Tor Vergata”, per far crescere nella società italiana, nei soggetti economici e nelle istituzioni la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e per mobilitarli allo scopo di realizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

L’Alleanza riunisce attualmente oltre 200 tra le più importanti istituzioni e reti della società civile, quali:

  • associazioni rappresentative delle parti sociali (associazioni imprenditoriali, sindacali e del Terzo Settore);
  • reti di associazioni della società civile che riguardano specifici Obiettivi (salute, benessere economico, educazione, lavoro, qualità dell’ambiente, uguaglianza di genere, ecc.);
  • associazioni di enti territoriali;
  • università e centri di ricerca pubblici e privati, e le relative reti;
  • associazioni di soggetti attivi nei mondi della cultura e dell’informazione;
  • fondazioni e reti di fondazioni;
  • soggetti italiani appartenenti ad associazioni e reti internazionali attive sui temi dello sviluppo sostenibile.