Gli scioperi degli studenti che chiedono azioni contro il cambiamento climatico sottolineano l’urgenza di attuare una strategia globale.
Per la prima volta a Roma Greta Thunberg, la giovane attivista che ha ispirato questa mobilitazione mondiale;
il 22 aprile è stata la giornata della Terra in cui si celebra la salvaguardia del Pianeta. Lo sfruttamento fuori controllo delle risorse naturali ci obbliga a ripensare i processi produttivi. L’economia della ciambella teorizza un nuovo modello. La parola a Gianfranco Bologna, Direttore scientifico Wwf Italia; un’economia che in Italia fatica a ripartire, facendo ancora sentire il peso della crisi iniziata nel 2008 aumentando le disuguaglianze.
Ai nostri microfoni Linda Laura Sabbadini, Statistica sociale e editorialista per La Stampa: l’ultima puntata della Web TV, buona visione!  

Saperne di più: 

L’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS) è nata il 3 febbraio del 2016, su iniziativa della Fondazione Unipolis e dell’Università di Roma “Tor Vergata”, per far crescere nella società italiana, nei soggetti economici e nelle istituzioni la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e per mobilitarli allo scopo di realizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

L’Alleanza riunisce attualmente oltre 200 tra le più importanti istituzioni e reti della società civile, quali:

  • associazioni rappresentative delle parti sociali (associazioni imprenditoriali, sindacali e del Terzo Settore);
  • reti di associazioni della società civile che riguardano specifici Obiettivi (salute, benessere economico, educazione, lavoro, qualità dell’ambiente, uguaglianza di genere, ecc.);
  • associazioni di enti territoriali;
  • università e centri di ricerca pubblici e privati, e le relative reti;
  • associazioni di soggetti attivi nei mondi della cultura e dell’informazione;
  • fondazioni e reti di fondazioni;
  • soggetti italiani appartenenti ad associazioni e reti internazionali attive sui temi dello sviluppo sostenibile.