A seguito dell’intervento, sostanzialmente legittimo, del Sindaco De Luca sulla vicenda che ha coinvolto numerosi e ben individuati condomini della città nella contrapposizione con AMAM per il mancato pagamento (per anni) di quanto dovuto si è aperto un vivace dibattito a partire dalla pagina Facebook dove De Luca ama postare tutte le sue decisioni, imprese, foto e commenti.

Nulla obiettare, de gustibus,  sulla scelta di De Luca ma lui dovrebbe essere conseguente e controllare, o far controllare, costantemente la pagina ed i relativi commenti postati dai cittadini.

Non seguendo questo metodo rischia di creare confusione, di aiutare gli inventori di “castronerie” rendendosi, in modo inconsapevole, complice.

Nel caso in esame (AMAM) abbiamo individuato il seguente assurdo post:

Contestata la bufala, secondo la quale l’AMAM sarebbe una multinazionale, ecco la risposta:

Che dire… la cosa si commenta da se e per tranquillizzare il sig. Smedile pubblichiamo l’incipit di un verbale dell’Assemblea AMAM sottolineando però che se è notorio che Facebook sia un facile veicolo di bufale ci permettiamo di ricordare al Sindaco De Luca che un pubblico amministratore dovrebbe prestarvi maggiore attenzione.