Tutto pronto per “Vivicittà 2019”, la manifestazione podistica internazionale presentata stamani, giovedì 28 marzo, in conferenza stampa a Palazzo Zanca, all’interno dei locali dell’Assessorato alle Attività Sportive. Presenti l’assessore Giuseppe Scattareggia, il presidente del Comitato territoriale UISP Santino Cannavò, il Commissario Lino La Rosa, in rappresentanza del Corpo di Polizia Municipale e la Prof.ssa del Liceo Emilio Ainis di Messina Lilla Pellizzeri.

L’evento, giunto alla sua 36ª edizione, avrà luogo domenica 31 marzo e interesserà la via Vittorio Emanuele, nel tratto ad anello delimitato dai viali Boccetta e San Martino, a partire dalle 9:30 e fino alle 13, con raduno alle 8 a Largo Minutoli (Piazza Municipio). La manifestazione sarà articolata in modo da consentire la partecipazione ad atleti e dilettanti e comprenderà una gara agonistica di 10 km (in cinque giri) e una passeggiata ludico-motoria di 4 km. Il tema nazionale di quest’anno è “Uguaglianza in gioco”, in riferimento al diritto che ogni cittadino ha di vivere la città. L’evento, ormai radicato nel territorio con tradizione trentennale, ha incontrato il patrocinio del Comune di Messina il quale, di comune accordo con la UISP, ha individuato il percorso in un’area pianeggiante del centro città, che vuole rappresentare al meglio Messina, nell’ambito di un appuntamento internazionale calendarizzato annualmente in diverse centri. Una scelta che si muove nel rispetto delle misure di sicurezza previste per le manifestazioni sportive e tiene anche conto della suggestività della zona, resa paesaggisticamente invidiabile dal panorama che si apre sullo Stretto e sulla Madonnina del Porto.

“Vivicittà – ha dichiarato Cannavò – è un’occasione per fare una riflessione sui temi della città e della vivibilità. È un progetto che non nasce oggi, ma ha alle spalle un lavoro di 36 anni e attraverso una manifestazione sportiva vuole parlare di educazione all’ambiente e sport, con occhio attento allo sviluppo sostenibile.”

Il Presidente della UISP ha inteso, dunque, rilanciare il valore dello sport, sottolineando come l’attività fisica, nella sua trasversalità, sia strumento di formazione che tocca tutte le fasce d’età e veicolo di valori alla cittadinanza. Vivicittà è stata definita la più grande corsa al mondo e non a caso: si correrà simultaneamente in oltre 60 località diverse e i partecipanti confluiranno in una classifica unica e compensata. “Messina, giorno 31 marzo dalle 9:30, sarà collegata con il mondo attraverso una gara podistica.”, ha così concluso Cannavò.

A tutti i concorrenti saranno omaggiati una t-shirt e un rinfresco a fine gara.

Il liceo Ainis ha collaborato con la UISP nell’organizzazione dell’evento sportivo e grazie all’alternanza scuola-lavoro ha tentato di far conoscere agli studenti l’importanza dello sviluppo sostenibile, mostrando e dimostrando come la città si viva meglio camminando e correndo. Durante la gara podistica, il Corpo di Polizia Municipale si impegnerà affinché la manifestazione si svolga in sicurezza, senza creare problemi di viabilità.