Valentina ha 16 anni, è ipovedente, viene da Catania ed è alla sua terza esperienza in barca a vela. E’ partita con la zia, Carmela, che si è fatta coraggio e, pur non sapendo nuotare, la affianca in questa avventura che le porterà in mare per una settimana alla volta delle isole Eolie.
Lady LaurenSul maestoso veliero Lady Lauren, messo a disposizione dall’associazione onlus “I Tetragonauti”, Valentina potrà realizzare questo sogno insieme con tanti altri ragazzi non vedenti ed ipovedenti, grazie al Centro Regionale Helen Keller dell’Unione Italiana Ciechi di Messina che tra le sue finalità ha proprio lo scopo di favorire l’autonomia e l’orientamento delle persone con disabilità visive. Il veliero Lady Lauren fa tappa a Messina al molo Marina del Nettuno, l’attracco è concesso gratuitamente dalla società Comet che gestisce il porto turistico. Con Valentina, per questa nuova esperienza, sono partiti stamattina anche Pietro 11 anni di Barcellona, con il suo papà, Jessica 17 anni di Gela, Rosario e Giorgio, due fratelli di 21 e 23 anni di Messina. Accompagnati da una preparata equipe di personale specializzato potranno confrontarsi con l’ambiente marino ed acquatico per gestirlo in maniera autonoma. Ad illustrare le finalità del progetto “Educar per mare” giunto alla sua sesta edizione, il presidente del Centro Helen Keller Giuseppe Terranova che nel ribadire i notevoli risultati raggiunti con questa iniziativa ha messo in evidenza le varie attività che il Centro per l’autonomia dei non vedenti, con annessa scuola cani guida per ciechi, porta avanti a Messina a beneficio delle persone con disabilità visive di tutta Italia. Il presidente ha tenuto a sottolineare l’ospitalità dei fratelli Ivo e Danilo Blandina che ogni anno mettono a disposizione il molo Marina del Nettuno dando la massima ospitalità all’iniziativa che coinvolge decine di non vedenti ed ipovedenti. A sottolineare la grande opportunità di autonomia ed integrazione anche il direttore del centro Helen Keller nonché presidente dell’Uic di Messina, Fabrizio Zingale. “ I ragazzi – ha detto – anche con il familiare che li accompagna, divideranno un’esperienza indimenticabile che potrà servire in seguito anche nella gestione della vita di tutti i giorni”. Due le novità di quest’anno. A parlarne il comandante del veliero Lady Lauren, Gabriele Gaudenzi, che è anche responsabile del progetto. Sono stati formati due gruppi per la navigazione d’altura, (in mare aperto); uno che ha “navigato” da Civitavecchia a Messina ed un altro che lo farà nelle prossime settimane da Messina a Siracusa La seconda novità è quella di aver coinvolto per la prima volta i minorenni che iniziando l’esperienza molto presto potranno acquisire ancora meglio le varie tecniche di navigazione. Il progetto andrà avanti fino all’11 settembre prossimo. Si chiuderà con un corso da sub con il rilascio, per i migliori, di un brevetto. Alla conferenza stampa hanno partecipato anche il presidente dell’Uic di Rc, Armando Paviglianiti, il direttore della scuola cani guida del Centro Helen Keller Moreno Innocenti, il consigliere d’amministrazione Giuseppe Cucinotta, il consigliere comunale Giorgio Muscolino, il consigliere provinciale Saro Sidoti.