Nel pomeriggio di ieri, nel corso di un servizio di prevenzione e repressione dello spaccio di stupefacenti., i carabinieri della Stazione di Messina Gazzi, hanno arrestato, in flagranza di reato, il pregiudicato, 66enne, G.T. ed il nipote, 18enne, incensurato, G.T., ritenuti responsabili del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Da giorni, gli uomini della Stazione di Gazzi seguivano i movimenti sospetti nei pressi dell’alloggio del Villaggio Aldisio dove vivano i due messinesi e, dopo diversi appostamenti, ieri pomeriggio hanno fatto irruzione nell’abitazione. La perquisizione dell’appartamento ha permesso ai miliari dell’Arma di scoprire oltre di 2 kg di marijuana, imballata in due involucri di cellophane, nascosti sotto un materasso, inoltre sono stati rinvenuti due bilancini di precisione perfettamente funzionanti, occultati tra gli utensili della cucina, e la somma contante di 2.000 euro, ritrovata sopra un armadio.

Nonno e nipote sono stati pertanto arrestati in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e tradotti presso il carcere di Messina Gazzi a disposizione della Procura della Repubblica di Messina mentre lo stupefacente sequestrato sarà inviato al Reparto Carabinieri Investigazioni Scientifiche di Messina per gli accertamenti di laboratorio.