A conclusione dell’attività d’indagine scaturita a seguito dell’accoltellamento di Lentini Santino, avvenuto nella mattinata della scorsa domenica lungo il Viale Giostra, la Squadra Mobile ha arrestato ARNAO Salvatore, messinese di 29 anni, pregiudicato, poiché ritenuto responsabile del tentato omicidio del prefato Lentini.
ARNAO SalvatoreIndividuata e sequestrata anche l’auto dell’Arnao, una Fiat Panda, di colore nero, con la quale l’Arnao si è dato alla fuga e sul tettuccio della quale sono stati rinvenuti i segni di bastone lasciati dalle persone intervenute sul luogo del ferimento nel tentativo di bloccare il delinquente.
Le indagini hanno avuto inizio immediatamente dopo i fatti grazie al prezioso contributo di un poliziotto libero dal servizio che, incuriosito dalla confusione creatasi, ha potuto avere una visione completa del luogo del tentato omicidio, riuscendo così ad individuare un paio di occhiali da vista proprietà del Lentini, ed un berretto, proprietà dell’Arnao.
L’Arnao, condotto in questi uffici, ha ammesso di aver inferto almeno tre coltellate al Lentini che gli hanno lesionato l’arteria femorale e che lo avrebbero ucciso se l’emorragia non fosse stata bloccata da una cintura legata attorno alla coscia da un medico intervenuto nell’immediatezza. Al momento del ferimento, era presente anche il fratello minore dell’arrestato.

Di Biase FrancescoInoltre, nella giornata di ieri, la Squadra Mobile ha dato esecuzione ad una Ordinanza di carcerazione emessa in data 17.7.2010 dall’Ufficio Esecuzioni Penali del Tribunale dei Minorenni di Messina nei confronti di Di Biase Francesco, di anni 18, dovendo lo stesso espiare la pena della reclusione di Anni 2, mesi 8 e giorni 4, poiché giudicato colpevole del reato di rapina in concorso ai danni di un distributore Esso nell’aprile del 2007.