Negli ultimi anni la Polizia Metropolitana ha rappresentato un punto di riferimento nelle attività di Polizia Locale nell’intero territorio provinciale nella tutela dell’ambiente, nel controllo del territorio e, soprattutto, nella prevenzione e repressione delle infrazioni al Codice della Strada.

Grazie agli indirizzi del Sindaco Metropolitano De Luca, gli uomini del Comandante Triolo hanno efficacemente affiancato tutte le altre forze dell’ordine e la Polizia Municipale in importanti operazioni (non ultima la gestione dell’evacuazione di migliaia di cittadini per il disinnesco della bomba di domenica scorsa) e si sono posti anche al servizio dei comuni della provincia per la gestione di emergenze e manifestazioni.

Non tutto ciò che luccica però è oro.

Almeno da quanto emerge da una nota, indirizzata al Prefetto, al Sindaco Metropolitano, al Comandante Triolo ed alla Commissione di Garanzia, con la quale il CSA, nel dichiarare lo stato di agitazione, lamenta il mancato pagamento, da un paio di anni, di indennità e straordinario per i servizi prestati, nonché la mancata attribuzione della qualifica di Ausiliario di P.S., fattispecie quest’ultima che espone i lavoratori a seri rischi per l’incolumità personale.

“Servizi e attività di cui, grazie a De Luca e Triolo, sta godendo l’intera collettività provinciale – dichiarano Fotia e Paladino – ma che vanno regolamentati e retribuiti”.

Prevista domani alle 13,00 un’assemblea dei lavoratori.

 

 

 

 

  1. La Segreteria Provinciale
  2. Paladino