Importante operazione a tutela dell’ambiente dei Carabinieri della Stazione di Patti e del locale Distaccamento del Corpo Forestale, che hanno sequestrato una discarica abusiva realizzata nell’alveo del fiume Timeto.
L’operazione, sviluppatasi nell’ambito di un più vasto piano di monitoraggio del territorio finalizzato alla prevenzione dei reati di natura ambientale, ha avuto l’epilogo ieri pomeriggio quando, i Carabinieri ed il personale del Distaccamento del Corpo Forestale di Patti, dopo aver effettuato nei giorni scorsi servizi di osservazione ed appiattamento, si sono recati nell’alveo del torrente all’altezza della località “Scarpiglia” ed hanno rinvenuto una discarica, che si era sviluppata in più punti lungo gli argini del torrente.
discarica abusivaTutta l’area, che si estende per un circa 1500 mq., è stata sottoposta a sequestro. Ora chiunque violerà i sigilli con nuovi scarichi, rischia di essere arrestato.
Nella discarica abusiva i Carabinieri ed il personale del Corpo Forestale hanno trovato di tutto: materiale di risulta delle lavorazioni edili, divani in disuso, vecchie lavatrici, frigoriferi e pneumatici.
Le immediate indagini hanno consentito di risalire ad almeno tre degli autori degli scarichi illeciti che sono stati segnalati alla Procura della Repubblica di Patti per i reati di getto pericoloso di cose, distruzione e deturpamento di bellezze naturali ed attività di gestione di rifiuti non autorizzata.
Nel corso degli accertamenti è altresì emerso che una vasta zona del margine sinistro del fiume Timeto era stata gravemente compromessa dalla presenza di diverse tonnellate di terra e materiale di risulta, verosimilmente scaricate in passato da camionisti senza scrupoli. In proposito sono state avviate indagini dei Carabinieri per l’individuazione degli autori.