Ieri alle 11.30 in via XXIV Maggio (Rampa Rosa Donato) attorno all’albero di Ulivo piantato nel 2017  dirigenti del Movimento Cristiano Lavoratori e studenti si sono dati appuntamento o per ricordare l’impegno dell’organizzazione e della comunità “Per lo sviluppo contro le mafie“. Presenti gli allievi e i dirigenti degli Istituti  “Boer-Verona Trento”, “S.Anna” e “La Farina – Basile”, il Direttore dell’Ufficio Diocesano per i Problemi sociali e il Lavoro Don Sergio Siracusano, il presidente della IV Circoscrizione Albero De Luca e il consigliere Piero Caliri .

“Per lo Sviluppo Contro le mafie” il titolo della manifestazione che per il terzo anno consecutivo MCL promuove in via XXIV maggio (Rampa Rosa Donato)  dove sin dal 2017 l’organizzazione si è assunta la responsabilità di riqualificare e curare un’aiuola nella quale è stato piantato un albero di Ulivo in memoria di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e di tutti gli uomini e le donne che hanno dedicato la loro vita alla lotta alle mafie.

Attorno all’albero si sono ritrovati non solo i dirigenti dell’organizzazione promotrice ma anche gli studenti dell’Istituto Comprensivo “Boer-Verona Trento”, dell’Istituto S.Anna, del La Farina – Basile”  e i rappresentanti della IV circoscrizione accompagnati nella riflessione da Don Sergio Siracusano, Direttore dell’Ufficio Diocesano per i Problemi sociali e il Lavoro. 

“Siamo convinti – ha dichiarato Fortunato Romano, Presidente Provinciale MCL – che la presa in carico dei beni comuni e il dialogo con le nuove generazioni siano due strumenti efficaci e indispensabili per contrastare le varie forme di mafie. Continueremo a curare e abbellire questo spazio che durante l’anno è stato spesso vandalizzato come simbolo di un impegno quotidiano della nostra organizzazione nel contrasto ad ogni forma di illegalità”.

La piazzetta   ha accolto numerosi studenti che con riflessioni e cartelloni hanno ribadito non solo un fermo e chiaro  No alle mafie, ma hanno dimostrato piena consapevolezza delle tante declinazioni dell’agire mafioso, chiedendo con forza alle Istituzioni di essere accompagnati in un percorso di cambiamento verso il futuro.

L’edizione 2019 dell’iniziativa “Per lo Sviluppo Contro le mafie” si è arricchita, spiegano gli organizzatori, del contributo e della presenza degli studenti dell’Ist. “La Farina – Basile” che sin da oggi hanno iniziato a realizzare dei bozzetti per la creazione di un’istallazione permanente che verrà posata nell’aiuola il 22 maggio 2020. La mattinata si è conclusa con una preghiera di Don Sergio Siracusano che ai presenti ha consegnato una riflessione del Santo Padre sulla legalità.