Nella giornata di ieri, la Polizia di Stato di S. Agata Militello, ha eseguito la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di CUCE’ Aldo di anni 20, originario di Cefalù, a seguito delle reiterate violazioni dell’obbligo di dimora cui si trovava sottoposto nel comune di Torrenova per il reato di stalking.
CUCE' AldoIl CUCE’ era stato arrestato nel giugno del 2009 e nuovamente pochi mesi dopo per il reato di stalking consumato ai danni di una minorenne santagatese con la quale in precedenza aveva avuto una turbolenta storia sentimentale. Inoltre lo scorso febbraio veniva arrestato dalla Polizia per detenzione e spaccio di stupefacenti.
La settimana scorsa gli operatori del Commissariato di P.S. di Sant’Agata avevano arrestato il nonno di Cucè, di anni 73, in quanto responsabile dei reati di violenza sessuale e violenza privata.
Il nonno, di professione giostraio, insieme al padre di Cucè Aldo, nell’estate del 2002 aveva abusato di una giovane che all’epoca dei fatti era poco più che tredicenne e che stava trascorrendo un periodo di ferie con la propria famiglia nel comune di Cefalù.

Personale dell’UPGSP ha deferito in stato di libertà un uomo, di nazionalità polacca, per guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche (art. 186/2 lett.C C.D.S). La volante, su segnalazione della Sala Operativa, ha rintracciato e bloccato l’auto in zona Santa Margherita che procedeva in maniera pericolosa. Il conducente, visibilmente alterato, è stato sottoposto a test alcolemico che ha dato esito positivo.