Segnaliamo tra i film della Selezione Ufficiale del Roma Film Fest (giunto alla tredicesima edizione, si terrà dal 18 al 28 ottobre 2018):

CORLEONE IL POTERE ED IL SANGUE
CORLEONE LA CADUTA
di Mosco Levi Boucault, Francia, 2018, 151’ (81’+70’)
Un “tragediatore”, figlio d’un contadino senza terra di Corleone, che ha affrontato la morte a tredici anni, ha visto suo padre morire e ha commesso il suo primo omicidio a diciannove. Affiliato a Cosa nostra dopo la sua uscita dal carcere a ventisei anni. Al termine di tre guerre di mafia e di centinaia di morti è diventato, a quarantadue anni, il capo assoluto della mafia siciliana. Salvatore Riina. Un “perdente” della guerra di mafia, che vuole vendicare i suoi due figli, il fratello, il nipote e il marito della figlia, uccisi dai sicari di Salvatore Riina. E non ha i mezzi militari per farlo. Tommaso Buscetta. Due ragazzi palermitani, cresciuti nel quartiere della Kalsa, che diventano giudici. Legati dagli stessi valori, tenaci, integerrimi, ostili alla mafia. Falcone e Borsellino. Falcone convince Buscetta a collaborare con la giustizia per incastrare Riina e mettere in piedi il primo storico processo a Cosa Nostra. Buscetta vede in Falcone il kalashnikov che non ha per abbattere Riina e impedirgli di vivere il suo sogno: passare la sua vecchiaia a Corleone. E ci riesce. Una trama quasi shakespeariana. Con “tanto dolore e tanto sangue”. Il conflitto eterno che oppone la sete di potere alla virtu’ della legge.

DIARIO DI TONNARA
di Giovanni Zoppeddu, Italia, 2018, 70’
La comunità dei pescatori di tonno, divisa tra pragmatismo del lavoro e tensione al sacro. Un inno alla fatica del vivere, ma anche alla naturale propensione di una comunità alla tradizione e al rito. Rais, tonnare e tonnaroti rappresentano il centro da cui si dipanano i racconti di un tempo passato che grazie al potere del cinema riemerge magicamente dall’oblio. Un documentario che si fa interprete di storie di mare, che sono della Sicilia e del mondo. E che attraverso le immagini di repertorio di maestri come De Seta, Quilici e Alliata racconta un pezzo profondo di storia del nostro cinema. Un tempo e un cinema che a volte possiamo sentire perduti, e che invece questo film ci restituisce presenti, contemporanei, accanto a noi.