[stream provider=video flv=x:/www.messinaweb.tv/wp-content/uploads/2011/12/Playtoy.flv img=x:/www.messinaweb.tv/wp-content/uploads/2011/12/playtoy-grande.jpg embed=true share=true width=480 height=320 dock=true controlbar=over bandwidth=med autostart=false /]

Finalmente un atteso ritorno a Messina, quello della Playtoy Orchestra che, anche quest’anno, ha portato a teatro molti bambini. Nel pomeriggio di domenica quattro dicembre, oltre ai soliti abbonati, il Palacultura Antonello ha accolto, in ogni ordine di posti, un nutrito gruppo di bambini, provenienti anche da Barcellona Pozzo di Gotto, accompagnati da genitori, zii e nonni.

La Playtoy Orchestra, ospite dell’Associazione Filarmonica Laudamo, ha deliziato adulti e bambini per più di un’ora “suonando” strumenti-giocattolo BONTEMPI, sonagli e giocattolini sonori di ogni genere.

Questo insolito gruppo si è costituito nel  2002 grazie all’impegno e alla volontà di Fabrizio Cusani di «dimostrare che con la forza delle idee è possibile realizzare qualcosa di importante e di attraente, anche se con due soldi ma con tanto spirito di adattamento… Attraverso il Progetto Playtoy vorremmo conservare anche in età adulta un approccio alla vita libero da pregiudizi, cercando di esorcizzare il mondo adulto e gli stereotipi che spesso lo caratterizzano». Cusani ama raccontare che è stato ispirato dai suoi dodici nipoti e dai loro giocattoli e che, successivamente, ha faticato non poco per tenerli lontani dai suoi “strumenti di lavoro”.

La Playtoy Orchestra è ormai già molto nota. Ha “duettato” con il Piccolo Coro dell’Antoniano di Bologna, il più prestigioso coro italiano di bambini, ha già suonato in tutto il mondo, ha inciso un disco ed é stata ospite di diverse trasmissioni radio-televisive italiane e straniere. Mi piace ricordare che la Playtoy Orchestra ha partecipato recentemente alla rassegna MiTo (stagione parallela di arte, musica e danza tra Milano e Torino) e sarà ospite su RAI3 il giorno di Natale.

La Playtoy Orchestra ha presentato sostanzialmente lo stesso programma dello scorso anno, la  Performance musicale per bambini (e adulti) con repertori classici e moderni eseguiti su strumenti-giocattolo, suscitando grande partecipazione da parte dei piccoli spettatori che, accalcandosi ai lati del palco, hanno preso parte attiva allo spettacolo danzando e saltando a ritmo di musica.

Fabrizio Cusani (direttore, voce, fischietti e pianino di Charlie Brown), Roberto Polcino (fisarmonichetta), Antonio Maria Boscaino (chitarra basso toy), Gianpasquale Cusano (percussioni), Marco Pietrantonio (batteria toy), Fabiano Fasoli e Giorgio Stefanelli (organo Bontempi), hanno elaborato uno stile esecutivo talmente accattivante da catturare l’attenzione del pubblico dal primo all’ultimo brano del programma.

Jingle pubblicitari, colonne sonore di film e brani di musica classica (Soul Bossa Nova di Quincy Jones, I dream of Jeannie colonna sonora del telefilm Strega per amore, Tarantella di Rossini, Carmen di Bizet, Czardas di Monti, Marcia alla Turca di Mozart, Volare di Domenico Modugno, Inno alla gioia di Beethoven, La danza delle ore di Ponchielli, Can-can di Offenbach, Marcia di Radetzky di Johann Strauss padre, solo per citarne alcuni) hanno fatto ballare i bambini e coinvolto ogni singolo spettatore.

Sicuramente un’esperienza da ripetere, anche il prossimo anno e con un programma diverso.