Proseguono le attività legate ai progetti di promozione culturale patrocinati dalla Città Metropolitana di Messina. La Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Lucio Barbera” di via XXIV Maggio ha fatto stamani da cornice alla presentazione del volume: “Orizzonti Siciliani – Forme di lavoro, figure di festa e segni musicali di tradizione popolare”, di Mario Sarica, edito da Pungitopo nel 2019.

L’evento rientra nell’ambito della Campagna nazionale del Maggio dei Libri, l’iniziativa promossa dal Centro per il Libro e la Lettura del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, con il patrocinio della Conferenza delle regioni e delle province autonome e sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

La presentazione del libro di Sarica si colloca all’interno del vasto programma previsto in questo mese. A introdurre il volume l’architetto Nuccio Lo Castro, direttore della rivista “Paleokastro”, preceduto dagli interventi della dirigente della V Direzione Anna Maria Tripodo e della Responsabile del Servizio Cultura Angela Pipitò; presenti all’incontro anche alcuni classi dei licei “G. Seguenza” e “G. La Farina”.

Il libro fornisce un significativo contributo alla conoscenza delle peculiarità che qualificano il patrimonio etnografico del Messinese, con uno sguardo anche al paesaggio antropologico della Sicilia. L’accento viene posto sulle identità culturali locali, fonte di riconoscibilità storica, a cui si sommano memorie collettivamente radicate che non devono essere materia di nostalgica archeologia o rivendicazione etnica ma il punto di partenza per guardare al futuro con rinnovata consapevolezza del passato. “La cultura – ha dichiarato l’autore – emancipa uomini e donne: è a lei che noi tutti dobbiamo affidarci e per questo è importante leggere tanto; abbiamo bisogno  di memorie che raccontano di noi: dobbiamo guardare avanti senza dimenticare il passato.”

Il volume di Sarica, che si caratterizza per un linguaggio forbito ma colmo di varietà popolari, è un contributo di studi e ricerca finalizzato a rigenerare forme culturali nostrane da tempo dimenticate.

“Vogliamo instillare nei giovani – ha precisato la Tripodo – l’amore per il libro, in tutte le sue forme. Quella odierna è un’iniziativa di promozione alla lettura che stiamo  portando avanti con grande convinzione e quest’oggi è la volta di un saggio sugli orizzonti siciliani, che attraverso un viaggio tra le memorie locali ci vuole far comprendere le radici del presente e del futuro.”

Anche quest’anno la Città Metropolitana di Messina ha aderito alla manifestazione culturale che dal 2011 viene ospitata da enti locali, scuole, biblioteche, associazioni culturali, gallerie d’arte e musei. L’obiettivo è sottolineare il valore sociale della lettura nella crescita personale, culturale e civile in tutto il territorio nazionale. La Campagna, che ha preso il via lunedì 23 aprile in occasione della Giornata mondiale del libro, si concluderà venerdì 31 maggio; in contemporanea è in corso di svolgimento anche “Lo Scambialibro”, l’iniziativa gratuita e aperta a tutti grazie alla quale i possessori di libri, nuovi o vecchi ma ancora in buono stato, potranno barattarli con i volumi messi a disposizione dalla Biblioteca della Città Metropolitana di Messina.

In occasione dell’incontro sarà inaugurata anche una mostra di opere inedite dell’artista Togo, ispirate ai saggi demoetnoantropologici del libro. Si tratta di opere grafiche che si rifanno ai temi trattati nel libro, le peculiarità della cultura contadina e l’identità siciliana (il grano, la vendemmia, la pesca del tonno, le feste popolari, l’universo sonoro della tradizione nel Val Demone).

La mostra sarà visitabile presso i locali della Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Lucio Barbera” dal 13 al 17 maggio, dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 13 e dalle 15 alle 17:30.