[stream provider=video flv=x:/www.messinaweb.tv/wp-content/uploads/2011/11/9183.flv img=x:/www.messinaweb.tv/wp-content/uploads/2011/11/9183-anteprima.jpg embed=true share=true width=480 height=320 dock=true controlbar=over bandwidth=med autostart=false /]

Stamane in una conferenza stampa alla Provincia Di Messina, la responsabile nazionale Salvalarete Federica Sacco, il segretario regionale Legambiente Sicilia Salvatore Granata e il Presidente Circolo Legambiente dei Peloritani Enzo Colavecchio hanno presentato la tappa siciliana di “Salvalarte”.

Inizia da Messina il viaggio di “Salvalarte” di Legambiente, che proseguirà per tutta la Sicilia. Un viaggio fatto con il mezzo della bicicletta e del treno, per salvaguardare i beni artistici dimenticati. In Sicilia sarà l’occasione per raccogliere delle segnalazioni su opere d’arte abbandonate, per organizzare visite guidate alla scoperta di capolavori che ci sono in paesini, inoltre si organizzeranno dei dibattiti e degli approfondimenti sul patrimonio artistico locale.

Le tappe siciliane saranno mercoledì 15, con una passeggiata da Barcellona Pozzo di Gotto a Castroreale, giovedì 16 una tappa che va da Capo D’Orlando a Caprileone e domenica 19 ci sarà un’intera giornata dedicata alla visita della città di Catania.

La bicicletta utilizzata per queste tre giornate da Salvalarte, è il mezzo di trasporto più compatibile con la campagna di Legambiente. Inoltre la bici e il treno sono i mezzi più efficaci per poter visitare al meglio i paesi e scoprire le bellezze artistiche.

Il Segretario nazionale di Legambiente Salvatore Granata ha dichiarato che ci sono dei capolavori d’arte che spesso sono nascosti in centri minori e collegati fuori dai circuiti turistici e quindi difficili da far conoscere. Legambiente con Salvalarte vuole dare una nuova visione a questi posti con la promozione di un turismo a basso impatto ambientale, tale da rispettare i vincoli paesaggistici la gestione delle città d’arte e i flussi turistici.

Il Presidente di Legambiente Messina, concordando con ciò che ha detto il Segretario nazionale, ha aggiunto che i ciclo attivisti del Cigno Verde riportano l’attenzione sul villino liberty di Barcellona P.G. in fase di restauro, la chiesa della Vergine Accomandata di Castroreale anch’essa in fase di restauro e il centro storico di Caprileone deturpato da uno scheletro di cemento armato.