La Fondazione Taormina Arte in collaborazione con Naxoslegge ha voluto dedicare un incontro all’importanza degli archivi storici, nello specifico evidenziare il faticoso e significativo lavoro di ricerca che compie da anni l’archivio di Taormina Arte.
Aprire le porte della storia al pubblico è sicuramente un arricchimento e un regalo che la Fondazione ha fatto alla cittadina, in particolare ai più giovani, ospiti infatti alcuni studenti delle scuole superiori, che stimolati dalla Professoressa e Direttore artistico di Naxoslegge, Fulvia Toscano, hanno preso parte all’incontro.

La Fondazione di Taormina Arte è stata rappresentata dal segretario generale Ninni Panzera a da Milena Privitera, che hanno presentato un emozionante e suggestivo video realizzato dall’archivio per rendere omaggio alla storia di Taormina Arte. Una raccolta di fotografie, locandine e cartelloni pubblicitari dei personaggi più illustri e spettacoli più famosi organizzati dalla Fondazione.
Fulvia Toscano direttore artistico del festival di letteratura e cultura appena concluso a Giardini Naxos sta infatti portando avanti un progetto di rivalutazione degli archivi storici come luogo fondamentale di memoria collettiva, spazio in cui la storia, tema cardine del suo festival, diventa tangibile a tutti attraverso i suoi documenti e scritti. Questa sua iniziativa è stata ben accolta dai responsabili di Taormina Arte, pensando infatti ad altri progetti futuri legati ai giovani e al lavoro di archivio, come strumento per poter conoscere un passato fondamentale per la loro formazione culturale.

Tanta emozione e curiosità nel rivedere pagine indimenticabili dell’arte passata a Taormina a partire dagli anni’80. Commozione tra il pubblico dei meno giovani che hanno ricordato e rivissuto alcuni momenti unici e irripetibili. La musica scelta per il video, tra cui la colonna sonora del film Nuovo cinema Paradiso, ha reso ancora più incisivo e vibrante il montaggio di immagini.

Ninni Panzera ha voluto ripercorrere brevemente la storia di Taormina Arte, oggi Fondazione, ricordando i momenti difficili, di crisi, i passaggi da comitato a Fondazione e le varie fasi; molte dimenticate ma scritte nella memoria collettiva grazie ai grandi spettacoli che si sono svolti a Taormina. Con grande onore e orgoglio ha sottolineato come dal Teatro Antico sia passato il meglio di quello che si poteva avere nel campo del cinema, della musica, dei grandi musicisti o coreografi e dei grandi attori di teatro. Taormina afferma è stato un punto di riferimento per la cultura in Italia e per le produzioni internazionali. Purtroppo i problemi finanziari hanno portato ad un periodo di crisi dal quale però da qualche anno la Fondazione sembra esserne uscita, sembra aver trovato la strada di rinascita con dei piccoli progetti ma immensi per le dimensioni culturali. Un esempio la saletta cinematografica e il restauro dell’Odeon.

L’archivio, evidenzia Panzera: “E’ sicuramente qualcosa di materiale ma anche immateriale: è la memoria storica che ognuno si crea, è dentro di noi, questo per quanto importante che sia , non deve però frenare il miglioramento e la nascita di nuovi progetti. La fondazione punta a ridare un’identità artistica a Taormina, il lavoro dell’archivio e il video sono solo un esempio per i giovani di quello che era Taormina e quello che dovrebbe essere di nuovo.
Ed è proprio la forza dei ragazzi, le loro menti quello su cui punta la fondazione, dare spazio a nuovi progetti, ricreare cultura tra i giovani, far rivivere la bellezza anche tramite piccoli ma immensi spazi in cui le nuove generazioni potranno rimpadronirsi della cultura”

Milena Privitera ha spiegato il lavoro d’archivio realizzato negli anni da tutti i collaboratori di Taormina arte. L’impegno e la fatica nel creare in poco tempo un video che riassumesse i momenti più importanti di tanti anni di spettacoli. I volumi di rassegna stampa dall’ 83 ad oggi sono oltre i 1000. Tanta rassegna anche degli anni’60 e 70 che riguarda il cinema.
Moltissime foto in bianco e nero, tante logorate dal tempo, difficile il lavoro di scansione, tante foto a colori, depliant , locandine, manifesti e molto altro.
Il video è un ricordo dei più grandi e celebri personaggi e compagnie che in tutti i campi hanno reso omaggio al palcoscenico del Teatro greco di Taormina.
Nomi che probabilmente ai giovani di oggi non dicono nulla ma che fanno parte della loro cultura, un bagaglio che grazie a questa iniziativa e molte altre ci auspichiamo possa diventare un valore aggiunto alla loro formazione e crescita.