[stream provider=video flv=x:/www.messinaweb.tv/wp-content/uploads/2011/02/inchiesta-suolo-5.flv img=x:/www.messinaweb.tv/wp-content/uploads/2011/02/FerlisiCalogero-grande.jpg embed=true share=true width=480 height=320 dock=true controlbar=over bandwidth=high autostart=false /]

Torna con la quinta puntata la nostra inchiesta sull’uso (o se volete sull’abuso) del suolo pubblico a Messina.

Oggi vi proponiamo immagini varie tra cui la situazione delle edicole sparse nella zona centrale.
Nuove o vecchie, rimodernate o no, molte sono poste in luoghi poco idonei ed in ogni caso in modo da impedire il corretto uso del marciapiede da parte dei pedoni: ancora una volta in dispregio del buon senso e del Regolamento.

Lungi da noi voler fare la guerra agli edicolanti, settore del commercio giustamente liberalizzato ma al quale  va tutta la nostra simpatia di giornalisti. Ma siamo sicuri che non si possono trovare ubicazioni, strutture, soluzioni più idonee e meno penalizzanti per i pedoni ed il traffico veicolare?

A queste domande elementari vorremmo, ancora una volta, che rispondessero Ferlisi, l’Assessore o il Sindaco.

Lo scorso mese abbiamo provato a chiedere lumi a Ferlisi in merito alle prime puntate della nostra inchiesta. Lo abbiamo incrociato a Palazzo Zanca, sembrava ben disposto… ma appena conosciuto l’argomento è andato su tutte le furie rifiutandosi di rispondere. Passata la tempesta e chiarito qualche equivoco ci ha invitato a telefonargli per fissare un appuntamento. Abbiamo ripetutamente ed inutilmente  provato sino il 26 gennaio quando gli abbiamo inviato un cortese sms seguito, dopo pochi giorni, da una richiesta formale di intervista

Risultato fino ad oggi: il silenzio più assoluto, anzi no

Ci è stato riferito, ma noi ci rifiutiamo di credervi, che una reazione ci sarebbe stata: alcuni commercianti immortalati nei nostri servizi sarebbero stati contravvenzionati e a fronte delle loro rimostranze lo risposta sarebbe stata “prendetevela con i giornalisti”!
Crediamo che quanto ci è stato riferito non sia   vero e speriamo che le contravvenzioni non siano state elevate. Il nostro obiettivo era ed è non “punire” ma prevenire ed impedire gli abusi. Si abbiamo chiesto l’intervento dei Vigili Urbani e continuiamo a chiederlo ma non con intento punitivo.
Vorremmo capire e contribuire a rendere Messina una città civile e vivibile e  per questo vorremo incontrare il comandante Ferlisi.

Ma Ferlisi e la politica continuano a sfuggire: si la politica nel suo complesso perché anche dall’opposizione e dalla parte “critica” della maggioranza, presenze numerose in Consiglio Comunale, non si è levata alcuna voce…

Buona fortuna Messina !