“L’altra faccia” è la personale di Nino Vario inaugurata venerdì 25 ottobre 2019 nel foyer del Teatro Vittorio Emanuele. Un capitolo del progetto “l’Opera al Centro” che ha richiesto “un’accurata e ponderata opera di costruzione del percorso proposto” ha affermato il direttore artistico Giuseppe La Motta.

Dopo il brutto tempo sembra sia tornato il sereno.
Non sono considerazioni metereologiche, bensì un riferimento simbolico alla presentazione del cartellone 2019 -2020 del Teatro Vittorio Emanuele.

E possibile visitare la mostra presso la Biblioteca Regionale di Messina, in via I Settembre, 117-Palazzo Arcivescovile fino a mercoledì 30 ottobre 2019, da lunedì a venerdì, dalle 10 alle 13

Partire dalle testimonianze, scavare nelle macerie di una città distrutta da catastrofi naturali e che non ha attraversato illesa le due guerre, per ritrovare tradizioni, origini, storia e costumi al fine di riscoprire l’identità della città e dei suoi abitanti: è questo l’obiettivo della rassegna “Messina: la memoria da ritrovare”, presentata oggi in conferenza stampa presso la Biblioteca Regionale Universitaria Giacomo Longo di Messina

Tra gli ospiti che hanno ricevuto lo “Speciale Premio Cinemigrare”, consegnato alla Casa del Cinema il 18 pomeriggio, il regista Vito Palmieri, grazie alla bellezza e al messaggio etico contenuti nel suo cortometraggio “Il mondiale in piazza”
INTERVISTA

Dopo la giornata inaugurale sarà possibile visitare la mostra fino a mercoledì 30 ottobre 2019, da lunedì a venerdì, dalle 10 alle 13

GENOVA. Sapori e aromi provenzali e, poco più in là, la magia e il profumo della carta stampata con l’editoria indipendente impegnata sul tema “Ogni desiderio”

Un sabato pomeriggio alternativo: una gita fuori porta con il Presidente della Comunità ellenica dello Stretto, il Professor Daniele Macris, che ci fa da guida nell’area sud della Calabria jonica, la terra del Bergamotto, a pochi chilometri da Reggio.

Inaugurata ieri sera nella suggestiva cornice di Castroreale (Me), la mostra di pittura “Colori al Duomo”, una collettiva che unisce la sinergia di otto artisti.

chi fa un “lavoro intellettuale” per intenderci, in Sicilia e più specificamente in provincia di Messina, l’ho rintracciato in un professore di filosofia, tale Luciano Armeli Iapichino, scrittore di pregevoli testi

“Io Sarah. Ultime ore di Sarah Kane”, monologo teatrale con l’adattamento registico di Giovanni Arezzo e Alice Sgroi, con la collaborazione di Gabriella Caltabiano: al Teatro dei 3 Mestieri Di Messina il 18 e 19 ottobre

Si conclude il programma Autunno all’Odeon 2019 organizzato dalla Fondazione Taormina Arte Sicilia con due eventi particolari la danza contemporanea, l’opera dei pupi e due concerti di musica classica e contemporanea.

Cosa può accomunare la città di Messina e la città di Atene?
A parte la cospicua presenza di icone messinesi presenti nello stupefacente Museo di Arte Cristiana e Bizantina posto nel cuore della capitale, l’elemento che connette la città dello Stretto alla Πόλις ci porta in un tempo molto lontano, cioè nel periodo in cui la Sicilia era “Megale Hellas” e Atene rappresentava il principale polo di attrazione delle arti e delle scienze.

Si è svolta stamattina, nell’Aula Magna dell’Università di Messina, la cerimonia di consegna del Premio internazionale “Giuseppe Cocchiara” per gli studi demo-etno-antropologici al prof. José Antonio Gonzàlez Alcantud, docente al Dipartimento di Antropologia sociale presso l’Università di Granada

Magazzini del Sale: Primo appuntamento di altissimo livello con una compagnia radicata sul territorio, la Compagnia Teatrale Santina Porcino, e due giovani artisti che alternano tournée internazionali con grandi compagnie al lavoro di ricerca a produzione sul territorio: Michelangelo M. Zanghì (regia) e Francesco Natoli (in scena)

MESSINA: Al via la stagione diretta da Sasà Neri con Giulio Decembrini, direttore musicale, insieme ad Alice Ingegneri e Gaia Scorza impegnate nel dietro le quinte, che le vede coreografe e coaching.