Lettera aperta di Federazione della Sinistra-Rifondazione Comunista

“Migliaia di comuni italiani in questi mesi hanno iniziato una dura opposizione ai processi di privatizzazione dell’acqua, processi che dove sono stati attuati hanno prodotto notevoli aumenti per i cittadini (ad esempio in provincia di Agrigento un allaccio è passato da 100 euro a 1.500 euro) e un impoverimento degli stessi comuni che hanno dovuto cedere i propri impianti ed i propri pozzi ai privati.

acirealeAnche in Sicilia centinaia di consigli comunali (sia di centrodestra che di centrosinistra) hanno approvato delle delibere per proporre una legge regionale di iniziativa popolare che si opponga ai processi di privatizzazione e parteciperanno alla Manifestazione nazionale del 20 Marzo, nonché assieme ai comitati di cittadini hanno dato vita al comitato promotore per tre referendum contro la privatizzazione dell’acqua.

Ad Acireale questo evento, ad oggi, non ha sfiorato neanche lontanamente il Consiglio Comunale, né le componenti di maggioranza né tantomeno le opposizioni.

Il Circolo “La Locomotiva”del Partito della Rifondazione Comunista invita il Consiglio Comunale a prendere posizione sulla privatizzazione dell’acqua ed invita le forze sociali e politiche, nonché i singoli cittadini, a costituire un grande comitato in difesa dell’acqua pubblica”.

Trovato Giuseppe (Segretario circolo Acireale “La Locomotiva”, Rifondazione Comunista)

Salvo Scuderi (Segreteria Regionale Rifondazione Comunista)