Nonostante il provvedimento firmato sia già in Ragioneria, così come lo stesso assessore Panarello ha comunicato questa mattina nel corso dell’incontro tenutosi con Cisl e Cgil, serviranno almeno due settimane per adempiere a tutte le procedure tecniche e burocratiche per far ripartire il servizio.
«È importante che gli uffici comunali diano i tempi giusti a tutto l’iter burocratico e che la determina non si perda tra gli scaffali o le scrivanie – ha affermato Pancrazio Di Leo (Cisl) – È chiaro che una situazione del genere si è verificata per la mancata programmazione e organizzazione del servizio. Non è possibile che per oltre un mese non venga erogato un servizio importante come quello della refezione scolastica. Bisognava pensarci per tempo».
Il rappresentante della Cgil sottolinea come, anche in questa occasione, l’Amministrazione Accorinti si dimostri inadeguata.

°°°°°°

Nota dell’Assessore Panarello in merito alle problematiche su mense scolastiche e riscaldamenti
“Il provvedimento per la mensa è stato firmato in Ragioneria e pertanto il servizio di refezione scolastica ripartirà al più presto. Stamani si è tenuto l’incontro con la FISASCAT-CISL, insieme alla FILCAMS-CGIL e una delegazione dei lavoratori, ed è emersa la volontà delle parti a salvaguardare i livelli occupazionali e ad avviare immediatamente l’iter procedurale previsto dalla norma di legge”.

Patrizia Panarello

Patrizia Panarello

È quanto dichiarato dall’assessore alla Pubblica Istruzione, Patrizia Panarello, che ha anche comunicato che tutti i provvedimenti relativi al gasolio sono stati firmati e quindi tutte le scuole sono state rifornite; i tecnici hanno esaudito le richieste per la manutenzione degli impianti. Se ancora dovessero sussistere problemi tecnici, gli Istituti scolastici potranno segnalarli al numero 0906010252 affinché si possano sollecitare gli uffici competenti. “Bisogna dare atto – ha sottolineato Patrizia Panarello – che la Ragioneria ha mantenuto gli impegni presi e pertanto possiamo considerare conclusa l’emergenza scuola”.