Non sembrava di essere in campagna elettorale ieri sera nella folta assemblea presso la Chiesa di Santa Maria Alemanna.

Presentato dal deputato regionale De Domenico, in un locale spoglio, senza alcun manifesto o simbolo elettorale, il candidato del PD al Parlamento Europeo Pietro Bartolo, ex pescatore e poi medico per una vita  in un’isola sperduta, Lampedusa, ha raccontato se stesso, ha raccontato cosa ha visto, cosa ha fatto o dovuto fare, le reazioni e le sofferenze personali per quanto accadeva ai e contro i migranti, contro altri esseri umani sfruttati da sempre ed ora sfruttati più volte…

Si è presentato con la naturalezza, la semplicità del “medico degli ultimi”  parlando ai cuori di coloro che lo ascoltavano  coinvolti in un surreale silenzio.

Un uomo simbolo che ti fa venire in mente, in modo inconscio, un altro uomo simbolo: Salvini !
Sentendo parlare Bartolo si resta sempre più scioccati dal narcisismo, dai fantasiosi ed impropri travestimenti, dai selfie compiaciuti, dalla ossessiva ricerca del bagno di folla e dalle bugie del Ministro Salvini …

Bartolo ha sfatato con esempi concreti la bufala della “invasione” come la notizia dei “porti chiusi”: falsità li ha definiti, portando a riprova i numeri e l’esperienza personale, anche degli ultimi giorni, quando a Lampedusa con un’azione congiunta della Guarda Costiera e della Guardia di Finanza, in sua presenza, sono stati salvati ed accolti una quarantina di profughi…. …

Un ministro che sfida la Costituzione, che di fronte le accuse si difende “scappando dai processi”, che fa ampio uso della paura nella sua propaganda, che ci rende una nazione razzista.
Un medico che in un luogo sperduto, lontano dai riflettori, resta fedele alla Costituzione, alle leggi del mare, esalta con semplicità estrema la propria umanità.

Ecco cosa resta dall’incontro (poco elettorale) di ieri sera, assieme alla consapevolezza che esiste nel nostro paese una realtà diffusa e positiva, che non cerca i riflettori ma opera giorno dopo giorno in una unione spontanea di laici e credenti in nome dell’Uomo e della Civiltà.
Bartolo questa realtà, con la semplicità di un uomo umile che non sa parlare di “politica” pur facendola concretamente da decine di anni, vuole portarla in Europa, in un luogo assente e responsabile, ma indispensabile per salvare la pace e la nostra umanità !