Il 25 agosto abbiamo pubblicato l’ennesima denuncia (Vedi) della situazione paradossale che l’incapacità di governo della città ed il gioco a rimpiattino hanno provocato a Sperone (ma non solo).

Appalti alle solite ditte, mancata vigilanza durante l’esecuzione dei lavori di ripristino, nessuna verifica sui costruttori di palazzine in una zona punto particolare dello sviluppo urbanistico, mancata realizzazione delle opere di urbanizzazione ne da parte del comune (a fronte per pagamento degli oneri), ne controlli adeguati in caso di “convenzione” sostitutiva degli oneri, consapevolezza di Palazzo Zanca della inesistenza in molte zone degli scoli previsti per le acque bianche.

Tutto questo ha portato Sperone, ed in particolare via Archimede e zone limitrofe, ad avere strade sempre dissestate ed allagate a seguito delle costanti rotture fognarie (le acque bianche vendono obbligatoriamente scaricate nella rete fognaria).

Inutili, per la sistemazione definitiva, i quasi quotidiani interventi della stampa dei consiglieri di Circoscrizione.

Massimo Costanzo ora ha rinvenuto un documento “vergognoso” (regolarmente notificato ai “nuovi” Dirigenti): l’inutile lettera che 16 marzo 2016 (che richiama segnalazioni precedenti) che AMAM ha inviato ai Lavori Pubblici del Comune.

Molto probabilmente i Dirigenti responsabili avranno anche incassato il premio per gli obiettivi raggiunti …

In una azienda privata oggi sarebbero ancora disoccupati: cosa ne pensa il Sindaco De Luca ?