Berlusconi firma decreto per amministrazione straordinaria della Tirrenia
Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Silvio Berlusconi, ieri ha firmato il decreto che ammette la società TIRRENIA di NAVIGAZIONE S.p.A. alla procedura di amministrazione straordinaria e che nomina il dott. Giancarlo D’Andrea Commissario straordinario per la gestione della Società.
Lombardo e Berlusconi“A proposito della vicenda Tirrenia adiremo le vie legali. Ci rivolgeremo anche alla Commissione Europea che deve sapere che il Governo italiano ha voluto impedire ad un gruppo di imprenditori e alla Regione Siciliana, che non rischiava e non guadagnava nulla, di portare a termine una seria e concreta occasione di sviluppo per il meridione- dichiara il Presidente della Regione Sicilia Raffaele Lombardo- Il Governo nazionale ha compiuto un atto di ostilità vergognoso nei confronti di una regione che non si piega e che non consente più il saccheggio. Denunceremo questo scempio e non permetteremo che la Sicilia venga relegata a terra di saccheggio e di conquista.
La Mediterranea Holding aveva richiesto alcuni giorni per approfondire il testo contrattuale, soprattutto per quel che concerne la questione del debito di 600-700 milioni di euro che grava sui conti della Tirrenia. Per onorare quel debito avremmo dovuto coinvolgere le banche per ottenere garanzie, visto che Fintecna si era anche riservata il diritto di recedere cosa non concessa a noi.
Mediterranea aveva individuato, con fatica e in tempi assolutamente proibitivi, un solo advisor disposto a trattare e, a quel punto, era pronta a firmare il contratto, fermo restando che i privati si sarebbero assunti il rischio anche per conto della Regione.
A fronte di questa rinnovata disponibilità il Presidente del Consiglio ha ritenuto di dover procedere alla firma del decreto per l’amministrazione controllata di Tirrenia, annullando il debito e mettendo a repentaglio il posto di lavoro di migliaia di persone. E’ lecito sospettare che si tratti di un giochetto simile alla vicenda Alitalia volto a favorire qualche amico”.
“Ho la netta sensazione che siano in corso vendette di Stato contro la Sicilia e il Presidente Raffaele Lombardo”. Lo dice Antonello Cracolici, presidente del gruppo PD all’Ars, commentando la vicenda relativa alla Tirrenia. Berlusconi – aggiunge Cracolici – con una procedura assai discutibile blocca l’operazione di vendita della Tirrenia. Evidentemente Berlusconi continua a gestire il governo sentendosi il padrone delle ferriere e sfrutta la sua posizione per mettere in atto ritorsioni e vendette contro chi si allontana dal PdL”.