L’importante è che i lavoratori riprendano a lavorare e che i bambini possano usufruire del servizio mensa. Ma le consideriamo misure tampone”.
Così Pancrazio Di Leo, segretario provinciale della Fisascat Cisl di Messina, al termine dell’incontro con l’assessore alla Pubblica Istruzione Patrizia Panarello sulla vicenda della sospensione del servizio mensa nelle scuole comunali.
L’assessore ha assicurato le organizzazioni sindacali che sarà immediatamente attivata una procedura di affidamento a trattativa privata per i prossimi due mesi.
CGIL e CISL hanno chiesto all’assessore di vigilare attentamente sulla qualità dei pasti e del lavoro del personale per evitare di penalizzare servizio e lavoratori ai oggi impiegato con la cooperativa COT
TUTTI CONTENTI DUNQUE ?
Forse, ma noi no.
Vorremmo che l’Amministrazione, o gli “esperti” appena giunti a Messina, ci rassicurassero sulla “legittimità” della procedura adottata perché qualche dubbio, e non di poco peso, ci frulla in testa.

Di fatto ci troviamo con una Amministrazione (politica e burocratica) “incapace” di presentare nei tempi di legge ne il Bilancio consuntivo 2014 (approvato il 30 dicembre 2015) ne il Bilancio previsionale 2015, ad oggi (gennaio 2016) non pervenuto in Consiglio Comunale !
Da qui tutti i problemi che oggi coinvolgono 80 lavoratori delle mense e centinaia di bambini mentre per domani sicuramente avremo altro ….

L’Assessore Panarello può appellarsi alla mancata approvazione del Previsionale 2015?

Sicuramente no anche perché la data di scadenza del bando si è sempre conosciuta e lei ed il funzionario responsabile avrebbero dovuto provvedere al nuovo bando non ora o a dicembre ma almeno a settembre dello scorso anno ….