Finalmente dopo tre anni d’iter procedimentale nella seduta del 14 settembre 2017, il Consiglio Comunale di Messina ha deliberato la proposta di regolamento del Consigliere Mondello Francesco alla stessa sono state poste le firme di altri 23 Consiglieri Comunali:

L’oggetto dell’atto contiene “Regolamento per la gestione e amministrazione dei beni demaniali e patrimoniali indisponibili e disponibili del Comune di Messina.”

mondello07Il Comune di Messina non possedeva un regolamento per la gestione e amministrazione dei beni demaniali e patrimoniali.

Il regolamento patrimoniale sottoposto al vaglio del civico Consesso ispira i sui principi applicativi per la gestione e amministrazione, ai principi generali di economicità, efficienza, trasparenza, imparzialità, pubblicità, produttività, redditività e razionalizzazione, i beni saranno utilizzati per il conseguimento delle finalità istituzionali dell’ente Comune indicando ai Dirigenti e Amministratori le ultime normative vigenti, a una gestione attiva del patrimonio Comune di Messina, inoltre il regolamento disciplina le ottimizzazioni degli spazi disponibili, con la creazione di un inventario aggiornato e completo dei beni patrimoniali del Comune.

Il Regolamento è composto di circa trentacinque articoli, disciplina anche l’affidamento, come dotazione strumentale dei dipartimenti del Comune di Messina e quelli non ritenuti strumentali e funzionali ai vari dipartimenti saranno assegnati alle Circoscrizioni al fine di adempiere la normativa regionale vigente sulle funzioni demandate alle Circoscrizioni, inoltre tutti i beni patrimoniali saranno inseriti nell’inventario del Comune secondo una classificazione di destinazione d’uso e gli eventuali vincoli di bene storico, entro 120 giorni il dipartimento Patrimonio dovrà acquisire tutte le informazioni giuridiche, lo stesso inventario dovrà essere aggiornato e registrare ogni variazione derivante da nuove acquisizioni, alienazioni e/o modifiche della consistenza del patrimonio immobiliare.

E’ Compito istituzionale della Polizia Municipale tutelare il patrimonio immobiliare e reprimere ogni illecito, saranno effettuati controlli sui beni dati in concessione a terzi.

Altro punto fondante del regolamento è quello della concessione di beni patrimoniali alle associazioni Onlus, che potranno essere concesse con una riduzione del canone del 90%, inoltre il Comune per progetti di particolare rilevanza sociale, senza finalità di lucro, finalizzati alle prestazioni di servizi d’interesse pubblico e/o carattere istituzionale potrà applicare una riduzione del canone che va dal 50% all’80% per i soggetti operanti nell’ambito dei settori di attività e impegno nei campi d’assistenza, socio sanitario e sanitario, e più precisamente per quanto riguarda handicap, emarginazione, tossicodipendenza, patologie gravi, terza età, e per le associazioni ex combattentistiche; dal 30% al 50% per i soggetti operanti nei settori ricreativi, culturale, sportivo, ambientale e aggregativo; dal 20% al 40 % per le fondazioni ed Enti di Patronato, e per gli enti riconosciuti dalle confessioni religiose.

Potranno essere concessi beni patrimoniali immobili temporaneamente e occasionale per un periodo continuato inferiore a sei mesi ad associazioni, fondazioni, comitati, e altre persone fisiche o giuridiche che facciano richiesta per attività culturali, sociali, musicali, folkloristiche, ricerca, teatrali, ricreativi, formativi, sportivi e amatoriali per convegni, congressi, riunioni, mostre, ecc. Tali attività non dovranno avere scopo di lucro.

Queste sono le linee guida adottate dal Consiglio Comunale per una virtuosa gestione immobiliare dei beni del Comune di Messina, l’Amministrazione Comunale dovrà attuare tutte quelle attività di programmazione patrimoniale e finalizzarle allo sviluppo del patrimonio e individuando le migliori attività di organizzazione per la manutenzione dei beni.