Se l’amministrazione avesse esercitato il proprio ruolo oggi Messina non si troverebbe in questa grottesca diatriba sulle isole pedonali.

Ma il nostro sindaco ha preferito dedicare due mesi alla campagna elettorale per le europee (andando addirittura in Sardegna..) anziché svolgere il lavoro che gli è stato assegnato dai cittadini e per cui è pagato.

Messina muore, i migliori emigrano, le attività chiudono e l’idea che questa amministrazione offre è quella di una brigata di improvvisati che vive alla giornata. Nulla di diverso potrebbe spiegare la ridicola vicenda dell’annunciata “non riapertura” di Piazza Cairoli al traffico veicolare. Speriamo che questa evidente fase di sbandamento sia dovuta alla figuraccia rimedita per le europee e che, superata la delusione, De Luca torni a fare il Sindaco. Non lo sa fare, questo ormai è chiaro, ma che almeno ci provi per il breve tempo che ci separa dalle tanto auspicate dimissioni.

Giuseppe Siracusano,
Presidente dell’Assemblea Provinciale del Partito Democratico di Messina