«Siamo ancora qui, più forti di prima».
renzi-leopoldaEsplode la platea della Leopolda, i fedelissimi che non lo mollano, «gli amici che ho di fronte», come li definisce Matteo Renzi nel discorso di chiusura dell’appuntamento fiorentino quintessenza del renzismo.

Quasi un’ora di intervento spesso rivolto al passato, alla rivendicazione dei mille giorni di governo, punteggiato di citazioni (da Blade Runner a J.P. Rowling, l’autrice di Harry Potter, per le sue riflessioni sul fallimento, fino a una frase sul «presente assonnato» forse di Kafka, «ma l’ho rubata a Cuperlo e non mi ricordo più»), che solo nel finale alza lo sguardo verso il futuro, la campagna elettorale imminente, chiedendo al suo partito di « bisogna smetterla di litigare da mattina a sera, di farla finita con il congresso permanente» e partendo all’attacco degli avversari, Berlusconi e Di Maio, «sarà un testa a testa per sapere chi sarà il secondo gruppo parlamentare dopo di noi».

Prima del leader decine di interventi.
Standing ovation per Federica Angeli, la giornalista della ‘Repubblica’ che vive sotto scorta dal 2013 per aver denunciato le infiltrazioni della criminalità organizzata a Ostia.
“In queste settimane qualcuno sta cercando di ridisegnare la mappa criminale di Ostia e sto cercando di capire bene quello che sta accadendo, anche con le nuove sparatorie di questi giorni”, dice dal palco la giornalista. “Serve mantenere la barra dritta, malgrado le minacce, le paure, le intimidazioni, perchè alla fine saranno loro ad abbassare la testa. Io posso continuare a denunciare se però con me ci sarà anche un noi, cioè se voi sarete con me”, aggiunge Federica Angeli.

Il sindaco di Firenze Dario Nardella sceglie il tema delle fake-news. “Le parole di questa Leopolda, che sono quelle usate da Matteo Renzi in apertura, sono verità e concretezza.
Le fake news e le hate news, odio e falsità. I professionisti dell’odio non vogliono la verità. Il popolo della Leopolda non è abituato ad odiare il nemico, non riconosce un avversario ma non odia.
Deborah Serracchiani. “Non accettiamo lezioni da sinistra, perché le nostre azioni politiche sono profondamente di sinistra, e se non c’eravamo noi nessuno le avrebbe fatte”

Dario Franceschini: “Prima di noi Pompei era famosa per i crolli, noi abbiamo rilanciato cultura e tutela dei beni. Ripeto: un euro in cultura è un euro in sicurezza”.
Antonino Bartuccio, ex sindaco di Rizziconi: E’ dura vedere sotto scorta anche i miei genitori, anziani, ed i miei figli, che non possono andare in bicicletta, in motorino, non lo possono più fare. La ‘ndrangheta fa paura perché uccide i figli.

Marco-Minniti-2Marco Minniti: “Aumentare la sicurezza significa aumentare la democrazia, lo Stato deve tutelare i soggetti più deboli e più esposti
Lucia Annibali, sfregiata al volto con l’acido nel 2013 dall’ex fidanzato. “A lungo si è pensato che il problema della violenza contro le donne riguardasse solo le donne
Nella terza e ultima giornata spazio a testimonianze di esponenti della società civile e di amministratori.

renzi8_nLeopolda aperta venerdì sera con intervento di Matteo Renzi, sabato è stata la giornata dei tavoli tematici : la mattina quest’anno erano 44 record per la Leopolda, invece il pomeriggio si è cominciato gli interventi di ospiti che hanno raccontato la propria storia su temi riguardati il nostro paese.

Numerosa presenza di esponenti del Pd di Messina da Emanuele Morabito al candidato del pd alle regionali Matteo Sciotto per molti la prima volta ma emozionati e contenti per la riuscita dell’evento.

A condurre i tre giorni molti giovani dei Millennials come Arianna Furri e tanti altri giovani più che mai vicini alla politica e alle sue scelte

Leopolda mai partecipata come quest’anno.
L’ottava edizione dell’evento ha registrato, alla fine dei tre giorni di lavori, ben 27.327 accessi, dall’avvio del pomeriggio di venerdì alla chiusura di oggi, caratterizzata dall’intervento del segretario del Pd, Matteo Renzi.
Un incremento che conferma la tendenza registrata alla chiusura del secondo giorno di lavori, con stime relative ad una decisa crescita.

Per la Leopolda si tratta di un record assoluto di presenze, inserito in una tendenza costante alla crescita negli anni, a partire dalle circa 21mila del 2014, fino alle 23mila del 2015 ed alle 25.700 del 2016.

(dal nostro inviato)